GUADAGNA CON IL DROPSHIP OFFERTECARTUCCE

OfferteCartucce si prepara a lanciare un progetto di vendita ed assistenza verso tutti i rivenditori di toner e cartucce da stampa compatibili, privilegiando i nuovi canali di servizi di DROPSHIPPINGa costo zero per i rivenditori. Cos' è il DROPSHIP ? - Il dropship è un'opportunità che poche aziende riescono a creare Read more

TONER TN2010 COMPATIBILE PER STAMPANTE BROTHER HL2130 DCP7055 DCP7057

La cartuccia toner BROTHER TN2010 COMPATIBILE per stampanti LASER BROTHER HL2130 DCP7055 DCP7057 Toner compatibile che vanta dal suo canto la caratteristica di avere il tamburo di stampa separato dal toner. Questo consente la vendita separata dei due componenti ed offre estrema maneggevolezza e rapidità di sostituzione. Le stampanti e multifunzione abbinate Read more

TONER TN2000 COMPATIBILE PER STAMPANTE LASER BROTHER HL2030 HL2040 HL2070N MFC7820N DCP7015 DCP7020

La cartuccia toner BROTHER TN2000 COMPATIBILE per stampanti LASER BROTHER HL2030 HL2040 HL2070N MFC7820N DCP7015 DCP7020 preise levitra 20mg è un prodotto estremamente versatile poichè è utilizzato su stampanti e multifunzioni di differenti categorie di impiego, dall’uso domestico a quello aziendale. La cura nei dettagli di costruzione rappresenta il vero Read more

TONER HP CB540A COMPATIBILE PER STAMPANTE HP COLOR LASERJET CP 1210 1215 1510 1515 1518 CARTRIDGE 716BK CANON LBP5050

La cartuccia toner HP CB540A COMPATIBILE per stampanti HP Laserjet Color è compatibile con i modelli HP COLOR LASERJET CP 1210 1215 1510 1515 1518 CARTRIDGE 716BK CANON LBP5050 Il toner come da descrizione è il nero della serie a colori che garantiscono stampe rapide di ottima qualità. La serie Read more

I consumi e la Crisi…

Contro la crisi acquisti di qualitàI consumi e la Crisi…

La crisi è diventata purtroppo parte del panorama quotidiano. E’ uscita da tempo dai notiziari e dalle dichiarazioni dei politici (quelli ottimisti e quelli pessimisti) per entrare prepotentemente nella vita di noi tutti, quella che facciamo tutti i giorni.

Ci siamo resi conto che la crisi condiziona non solo i comportamenti macroeconomici, delle banche, delle aziende, dei governi, anche e soprattutto i comportamenti dei singoli individui. Li condiziona nell’espressione delle loro speranze, nella possibilità (o impossibilità) di realizzare i propri sogni, nei consumi.

Ma questa decrescita non è come le altre, forse è vero che niente sarà come prima ( ma questa è una frase che è stata detta in migliaia di circostanze e che non si è mai rivelata vera) quello che è certo è che non siamo disposti a rinunciare a tutto.
Venivamo da un periodo di espansione, di consumi allegri, di sprechi. Ci siamo abituati al meglio e al meglio non si rinuncia facilmente.

Allora cosa sta succedendo?

I consumi ristagnano e, anzi, arretrano. Ma in che modo arretrano?
Se andiamo a leggere più attentamente le analisi compiute sui comportamenti dei consumatori ci renderemo conto di un fatto importante. I consumi che arretrano di più sono quelli di fascia bassa.
La realtà è che stiamo spendendo di meno, ma non facendo economia in modo indiscriminato su TUTTO, piuttosto stiamo SCEGLIENDO con più attenzione.

I consumatori, che vengono da un periodo nel quale hanno potuto (chi più chi meno) accedere a consumi di qualità elevata e di alto profilo, adesso stanno tagliando le spese giudicate superflue. E tali spese non sono propriamente sul vero superfluo, piuttosto su quei consumi giudicati di bassa qualità e basso valore aggiunto.
In questo contesto si può capire perchè in questo avvio di saldi, per esempio, non vediamo le file davanti ai negozi (l’assunto dovrebbe essere: prezzi più bassi = acquisti maggiori) in maniera indiscriminata, ma assistiamo ad una marcata propensione ad acquistare adesso quell’articolo di marca o addirittura di lusso che prima non ci si poteva permettere, e quindi vediamo invece le file davanti a GUCCI oppure a VALENTINO.

Siamo ormai abituati alla qualità (sia intrinseca che attribuita), siamo abituati ai consumi di status (marchi di lusso, etc.) e quando se ne presenta l’occasione acquistiamo prodotti di fascia alta.
Quindi è la qualità quella che premia, anche e soprattutto nel pieno della crisi. I prodotti sempre e solo economici non sono vincenti in questo contesto di economia (e società) non orientata alla vendita ma all’individuo.

Anche con pochi soldi in tasca siamo troppo sofisticati per accontentarci e vogliamo che il prodotto che sceglieremo ci soddisfi anche in termini di resa e non solo di economicità.

L’insegnamento di questa crisi è quello di spingerci al consumo consapevole e mirato, non solo all’accumulo indiscriminato di oggetti e prodotti.

 

Posted on in News Lascia un commento

Add a Comment

Blue Captcha Image
Aggiornare

*